Obiettivi

Impegno dell’Associazione è la ricerca, raccolta e catalogazione di tutti gli strumenti elettronici e prodotti correlati, in primis calcolatori, periferiche, software e documentazioni varie, che hanno avuto un forte impatto sulla società. Proprio perchè strumenti tecnologici in rapida evoluzione e, quindi, in rapida obsolescenza, tali oggetti oramai appartengono al passato.
L’Associazione si occupa altresì di preservare il materiale raccolto effettuandone il restauro e, nei casi di oggetti deperibili (es. supporti dati e documentazione cartacea), con operazioni di copia e digitalizzazione. I dati relativi al materiale recuperato e la documentazione acquisita sono resi fruibili attraverso un sito web dedicato.
Tutto il lavoro dell’Associazione è finalizzato all’apertura in Puglia di un “Museo dell’Informatica e dell’Elettronica” allo scopo di fornire testimonianze che non vadano perdute nel tempo ma che costituiscano oggetto di studio, educazione e diletto al servizio della comunità.
Supplendo alla carenza, propria delle regioni meridionali, di un dibattito incentrato sulla storia dell’informatica e dell’elettronica, l’Associazione organizza inoltre eventi culturali, principalmente volti all’esposizione pubblica, seppur temporanea, dei sistemi informatici ed elettronici con particolare attenzione ai calcolatori, alle console e in generale agli oggetti tecnologici risalenti agli anni ’70, ’80 e ’90.
Lo scopo di questi eventi, solo apparentemente connotati da aspetti nostalgici, è quella di incoraggiare la conoscenza di questi “prodotti” soprattutto da parte delle nuove generazioni. Ci pare che il materiale raccolto possa infatti essere considerato un valido sussidio didattico nei confronti dei cosiddetti “nativi digitali”, indirizzandoli ad un proficuo e più approfondito studio degli odierni strumenti tecnologici attraverso la conoscenza delle gesta dei pionieri dell’informatica, anche di quelli non conosciuti dal grande pubblico.