Lascia un commento

Progetto Kenbak-1 Replica.

Storia
Il KENBAK-1 fu sviluppato da John Blankenbaker (dal cui cognome prende il nome) agli inizi degli anni ’70, inteso come strumento didattico. I criteri guida erano che fosse a basso costo, didattico ed in grado di soddisfare gli utenti con semplici programmi. Poteva essere seriale e lento, il che avrebbe ridotto i costi e tuttavia creato l’ambiente desiderato. Avrebbe dovuto dimostrare quanti più concetti di programmazione possibili. A causa delle piccole dimensioni, il linguaggio nativo sarebbe stato il linguaggio macchina. Soprattutto, avrebbe dovuto essere una macchina a programma memorizzato nel senso di von Neumann. Lo scopo era la progettazione di un computer semplice.
Progettato prima che fossero disponibili i microprocessori, la sua logica consisteva di 132 circuiti integrati della serie standard TTL montati su un’unica PCB. La memoria seriale era implementata tramite 2 shift registers MOS da 1024 bit ciascuno, per un totale di 2048 bit. L’input avveniva tramite interruttori e l’output era visualizzato tramite spie. Anche se il computer aveva un clock di 1 MHz, elaborava solo poche centinaia di istruzioni al secondo, perché aveva un’architettura seriale, per cui elaborava un solo bit alla volta.
Le vendite iniziarono nel 1971, a $ 750,00 completamente assemblato e funzionante. I professionisti del campo ne furono entusiasti, ma fu faticosissimo convincere i non-professionisti che avrebbero potuto comprare un vero computer a quel prezzo. La prima (ed unica) serie prodotta della Kenbak Corp. fu di 50 unità con numeri di serie a partire dal 167. Le macchine di produzione differivano leggermente dal prototipo come stile, ma avevano lo stesso insieme di istruzioni e le stesse prestazioni. Nel 1987, fra vari altri computer storici candidati, il Kenbak-1 fu eletto dal Boston Computer Museum il primo “personal Computer” (PC) commercialmente disponibile.

Anni fa veniva venduta una replica, il sito (http://www.kenbakkit.com/) non è più aggiornato ma riporta qualche schema ed elenco di componenti. Ulteriori foto, informazioni e materiale sono reperibili in vari altri siti.

Criticità:
• PCB da ricostruire partendo da foto: quelle ad alta risoluzione sono fatte con le componenti montate, quelle senza componenti sono a bassa risoluzione. Bisogna tentare di sovrapporle per risalire alle tracce complete
• verificare la disponibilità delle componenti: ce n’è una (1404a abbastanza rara, ed altre 4-5 di media rarità)
• Dimensioni cassa da dedurre a partire da informazioni indirette, quali foto e proporzioni rispetto ad altri oggetti di cui siano note le dimensioni reali
• necessità di riprodurre la meccanica

Realizzazione
La realizzazione del circuito stampato è stata possibile grazie al paziente lavoro di ricostruzione svolto da Stefano Ferilli. Successivamente la squadra composta dal responsabile, Michele Perniola, e dallo stesso Stefano col supporto di Emanuele Caldarulo, è passata alla realizzazione del prototipo.

Il responsabile del progetto, Michele Perniola

Ecco alcune foto che documentano il lavoro svolto.

Risultato della seconda sessione di lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *